Menu Cerca

Anno nuovo colore nuovo: dal biondo al castano

Se passare da un colore scuro a uno chiaro comporta una decolorazione più o meno intensa e cure attente e professionali per evitare che la chioma si fragilizzi, il processo contrario è molto più semplice... ma solo per una mano esperta!

Il biondo rimane un colore femminile e sensuale, ma la tendenza del 2017 parla chiaro: il castano caldo, intenso e avvolgente è un must della stagione invernale. L'ispirazione French Girl Hair è evidente e spesso chi sceglie di passare a un colore più scuro cambia anche il suo stile, optando per la frangia e lunghezze mosse, ma assolutamente naturali. Cambiare hairstyle è sempre una buona idea! Allora perché non approfittare dell'inizio dell'anno per una piccola rivoluzione?

Dal biondo al castano: un passaggio senza rischi?

Tutto dipende dal vostro biondo: platino, miele, scuro, ice, e soprattutto naturale? A seconda del colore di base, il vostro parrucchiere vi consiglierà il castano più adatto a voi. La parola d'ordine è "graduale". A una colorazione perfetta si arriva gradualmente, evitando passaggi bruschi, per esempio dal biondo polare al castano scuro, con riflessi neri. I risultati migliori si ottengono con procedimenti tono su tono: dal platino al biondo cenere, per poi passare al castano chiaro, al nocciola e al cioccolato.

Inoltre, una nuova tinta comporta anche un cambio di look e di make up. Rosa antico, beige e viola sono colori adatti alle bionde, mentre per le more meglio optare per colori scuri come il blu, il cammello e il marron glacé.

Come prendersi cura del nuovo colore

L'opera del vostro parrucchiere deve continuare anche a casa, con prodotti adatti ai capelli colorati. La cura del capello, e in particolare la sua idratazione, è fondamentale perché il colore duri a lungo e non perda la sua luminosità. Per un colore lucido e resistente, tuttavia, è indispensabile recarsi in salone ogni 4/6 settimane per un ritocco alle radici o un trattamento che ravvivi i riflessi.

Image Credits: Pixelformula

Content created by Webedia

;